“Irrational man” o sull’istinto primordiale umano che genera il male del mondo

Ritratto di Giuliano Francesco
Scadenza visibilità su home page: 
25/12/2015
Titolo: Irrational man
Titolo originale: Irrational man
Regia, Soggetto e Sceneggiatura: Woody Allen
Produzione Paese: USA 2015
Cast: Joaquin Phoenix, Emma Stone,  Jamie Blackley, Meredith Hagner, Parker Posey, Ethan Philips, Ben Rosenfield, Julie Ann Dawson,  Allie Marshall, David Aaron Baker, Pamela Figuereido Wilcox, J.P. Valenti, Carol Pourfar, […]
 
 
Regista colto, creativo, dotato di originalità sia satirica che narrativa, con una puntuale visione realistica del comportamento umano e del senso della vita, che, a partire dal suo film d’esordio “ Prendi i soldi e scappa” (1965), ha diretto mediamente un film all’anno, Woody Allen con questa sua ultima pellicola “Irrational man” affronta  il tema dell’istinto umano e dell’irrazionalità che porta l’uomo a commettere azioni immorali, guidato dal caso piuttosto che dal determinismo laplaciano. Eccellente nella descrizione dell’incoerenza e dell’ipocrisia umane, Allen costruisce i protagonisti di questo, come di qualunque altro suo film, come i musicisti di un’orchestra di musica jazz di cui lui è nel contempo amante e musicista. Il film, presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2015, racconta la storia di un professore universitario di filosofia Abe Lucas (Joaquin Phoenix) che si lascia travolgere come un novello Adamo da una studentessa Jill Pollard (Emma Stone), che si comporta nei confronti del suo amato professore come l’Eva biblica, precipitandolo inconsapevolmente in una spirale senza uscita. Con questa storia, Allen porta lo spettatore attraverso il professore Lucas, tanto apprezzato dai suoi studenti, ad un’altra puntuale riflessione sul senso della vita, questa volta dal punto filosofico, affermando che i pensieri dei vari filosofi altro non sono che delle “masturbazioni mentali” che non risolvono affatto i problemi dell’umanità: l’uomo rimane sempre se stesso al di là delle varie teorie razionali  sulla moralità e sul senso della vita perché aggrappato alla casualità degli eventi e all’istinto vitale. Discute, infatti, sull’imperativo categorico kantiano perché la scelta morale individuale non coincide con quella collettiva perché come anzidetto è soggetta all’istinto e alla casualità: l’uomo è in balia del caso che genera “l’effetto farfalla” (oggi scientificamente provato “nella teoria del caos”) ma che era stato previsto e anticipato inconsapevolmente dal poeta inglese George Herbert, vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, con la seguente filastrocca
“Per colpa di un chiodo si perse lo zoccolo;
Per colpa di uno zoccolo si perse il cavallo;
Per colpa di un cavallo si perse il cavaliere;
Per colpa di un cavaliere si perse la battaglia;
Per colpa di una battaglia si perse il regno;
Tutto per colpa di un chiodo!”
Lucas dibatte anche sull’esistenzialismo del filosofo cristiano Kierkegaard per l’angoscia che lo coinvolge perché egli non sa quello che deve fare e perché assillato dall’idea che deve trovare che gli consenta di dare un senso alla sua vita.  E discute anche sull’esistenzialismo di Sartre riguardo alla libertà dell’uomo con la quale questi assume una grande responsabilità di tutto ciò che esso fa, ma afferma di condividere le idee di Dostoevskij, “l’artista del caos", che, ponendo l’accento sul contrasto tra l’innocenza e il peccato, tra la bruttezza e la bellezza, tra il caos e il senso della vita, mostra di essere uno scrittore contemporaneo. Per questo Lucas, identificandosi con lo scrittore russo, rappresenta l’angoscia e  il male della società contemporanea, male che genera se stesso e che nel contempo e fortunatamente si annulla. Per caso.
 
Filmografia
Prendi i soldi e scappa (1965), Il dittatore dello stato libero di Bananas (1971), Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma non avete mai osato chiedere (1972), Il dormiglione (1973), Amore e guerra (1975), Io e Annie (1976), Manhattan (1977), Interiors (1978), Stardust Memories (1980),Una commedia sexy in una notte di mezza estate (1982), Zelig (1983), Broadway Danny Rose (1984), La rosa purpurea del Cairo (1985), Hannah e le sue sorelle (1986), Radio Days (1987), Crimini e misfatti (1987), Settembre (1987), Un’altra donna (1978), Alice (1990), Ombre e nebbia (1992),  Mariti e mogli (1992), Misterioso omicidio a Manhattan (1993), Pallottole su Broadway (1994), La dea dell’amore (1995), Tutti dicono I love you (1996), Harry a pezzi (1997), Celebrity (1998), Accordi e disaccordi (1999), Criminali da strapazzo (2000),La maledizione dello scorpione di giada (2001),  Hollywood Ending (2002),Anything Else (2003), Melinda e Melinda (2004), Match Point (2005), Scoop (2006), Sogni e delitti (2007), Vicky Cristina Barcelona (2008), Whatever Works – Basta che funzioni (2009), Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni (2010), Midnight in Paris (2011), To Rome with Love (2011), Blue Jasmine (2013), Magic in the Moonlight (2014).
Francesco Giuliano